PISP: il mondo dei pagamenti si popola di nuovi operatori. Chi sono e cosa fanno.

La Direttiva europea sui servizi di pagamento (“PSD2”) introduce e regolamenta l’operatività di nuovi servizi all’interno del mercato dei pagamenti, normando di fatto i cosiddetti “Third Party Providers” che si interfacciano, previo consenso del cliente, direttamente con la Banca di radicamento del conto. Tra i nuovi servizi regolamentati dalla PSD2 vi sono i cosiddetti PISP (Payment Initiation Service Providers) che permettono di trasferire denaro ed effettuare pagamenti a valere sul conto di pagamento del cliente. Ecco come funzionano.

Il mercato dei pagamenti negli ultimi anni è stato caratterizzato da un eccezionale dinamismo. In particolare, l’innovazione tecnologica ha portato ad un sempre maggiore utilizzo dei pagamenti digitali attraverso l’uso di strumenti tecnologici quali tablet, smartphone o wearable.

A tal proposito, la PSD2 si configura come un nuovo impianto legislativo innovativo e armonizzato, con l’obiettivo di creare un mercato unico ed integrato dei servizi di pagamento, uniformando le regole per gli istituti bancari e i nuovi operatori nati con la diffusione del digitale.

Tra i nuovi operatori regolamentati dalla PSD2 vi sono i cosiddetti PISP (Payment Initiation Service Provider) che fungono da tramite tra il pagatore ed il suo conto di pagamento online, avviando l’operazione di pagamento per conto dell’utente, a favore di un terzo beneficiario.

Come previsto dalla Direttiva, tali operatori:

  • non detengono in alcun momento i fondi del pagatore e non possono utilizzare o archiviare i dati del cliente per fini diversi dalla prestazione del servizio;
  • per ogni richiesta devono raccogliere il consenso esplicito del consumatore e per accedere al conto devono utilizzare le procedure di autenticazione già predisposte da parte del PSP di radicamento del conto;
  • sono tenuti a mettere a disposizione del pagatore e del beneficiario tutte le informazioni relative all’operazione.

Dall’altra parte, la Banca è tenuta a garantire al PISP l’accesso al conto di pagamento online del pagatore.

In questo modo, ad esempio, il cliente potrà effettuare acquisti tramite canale remoto, senza dover introdurre per ogni operazione i dati relativi alla propria carta di credito ma collegandosi direttamente al proprio conto.

Ad esempio potrà acquistare un bene o un servizio su online store o e-commerce (e.g. Amazon) interfacciandosi direttamente con la propria Banca per tramite di un PISP.
Pertanto, previa autorizzazione, il PISP invierà la richiesta alla Banca per completare il pagamento a valere sul conto di pagamento del cliente.

A cura della redazione di OfNetwork

Tutte le novità per la sicurezza dei tuoi pagamenti con la PSD2

Tutte le novità per la sicurezza dei tuoi pagamenti

Per poter ottemperare ai requisiti della PSD2 e garantire una maggiore sicurezza al cliente in fase di login e dispositiva, Deutsche Bank ha adeguato le procedure di autenticazione che prevedono l’inserimento di una password e di un codice dinamico e univoco dell’operazione.

Scopri di più