È ancora un buon momento per richiedere un mutuo. Tra tassi bassi e nuove offerte

Secondo OF Osservatorio Finanziario il 2019 sarà ancora un anno favorevole per chi è alla ricerca della prima casa. I tassi dei mutui fissi e dei variabili sono ancora molto bassi, in alcuni casi negativi. Mentre le offerte a tempo determinato scontano anche le spese extra. Ecco come ottenere le condizioni migliori.

Per chi ha necessità di stipulare un mutuo per l’acquisto della prima casa questo è ancora un periodo positivo. E secondo OF Osservatorio Finanziario, lo sarà tutto il 2019.

I prezzi delle abitazioni sono ancora in calo e i tassi restano molto bassi. Addirittura, l’indice Euribor con cui vengono parametrati i finanziamenti ipotecari a tasso variabile rimane ancora ai suoi minimi storici, con un valore negativo.

La situazione, quindi, è ideale per chi ancora è alla ricerca della casa dei sogni mentre cala il numero delle surroghe, negli scorsi anni richiestissime per trasferire il mutuo dalla vecchia banca a una che offre migliori condizioni.
Questa situazione è dovuta, in larga parte, al fatto che chi è in possesso di un “vecchio” mutuo sottoscritto anni fa, lo ha già surrogato approfittando dei tassi bassi che perdurano da tempo.

Se il tasso fisso per l’acquisto della prima abitazione resta ancora la scelta preferita dai nuovi mutuatari disposti a pagare una rata più elevata ma con la certezza che resti invariata per tutta la durata del piano di rimborso, aumenta nell’ultimo periodo anche la richiesta di finanziamenti a tasso variabile. Spinti dagli indici sottozero e dalla rassicurazione degli esperti che i tassi non andranno ad aumentare a breve in modo particolarmente significativo.

Mentre restano basse le percentuali di richieste per mutui a tasso misto o di variabili con Cap, cioè con tetto massimo.

Per quanto riguarda le offerte a tempo, invece, le migliori condizioni si confermano quelle sui mutui che coprono fino al 50% del cosiddetto Loan to Value, cioè la percentuale massima finanziabile in rapporto al valore dell’immobile.

E si può approfittare anche di sconti sulle spese extra collegate al mutuo. Ad esempio, optando per un finanziamento che azzera il costo della polizza incendio e scoppio obbligatoria o che non fa pagare le spese di perizia o di istruttoria.

A cura della redazione di OfNetwork