Arriva la Generazione Z: ecco chi sono i fratelli minori dei Millennials

Hanno meno di 25 anni, sono iper-connessi, smartphone-dipendenti, ma molto affezionati alle tradizioni. Mettono al primo posto amici e famiglia. E rispetto ai loro fratelli maggiori sono più concreti e idealisti. Ecco come si delinea, oggi, la nuova generazione di giovani che ha sostituito i Millennials.

I giovani tra i 14 e i 24 anni di età, parte della cosiddetta Generazione Z, hanno abitudini completamente diverse dai “predecessori”, in primis i loro fratelli maggiori Millennials. Usano diversamente i social, hanno opposte abitudini di acquisto e manifestano un nuovo modo di approcciarsi al mondo del lavoro e a quello legato alla gestione delle loro finanze.

Oggi sono sotto la lente di ingrandimento di studiosi, sociologi, operatori della finanza e del marketing, e di recente sono uscite molte indagini su di loro. Ecco un identikit in 5 punti dei membri della Generazione Z, che per la prima volta nel 2019 rappresenteranno la più grande fascia di consumatori a livello mondiale.

  1. Vivono in un ambiente dominato dai social network e sono la prima generazione mobile-first della storia.
    Comunicano con le emoji, soprattutto attraverso Whatsapp, e il social preferito è Instagram. Ma nonostante vivano relazioni “virtuali” mettono sempre al primo posto il legame “reale” con famiglia e amici.
  2. Sono più cauti e concreti, meno ambiziosi e orientati al successo rispetto alla generazione dei Millennials. Cercano posti di lavoro stabili e preferiscono il lavoro dipendente a quello autonomo. 
  3. Prediligono acquistare nei negozi fisici per uno shopping più esperienziale. E se optano per l’e-commerce lo utilizzano principalmente per l’acquisto di capi di abbigliamento ed elettronica.
  4. Hanno una maggiore consapevolezza del denaro e del risparmio ma sono meno legati al concetto di banca. Chiedono servizi bancari da utilizzare esclusivamente via mobile e on-demand, basati sulle loro reali esigenze. E sono attratti anche dalle soluzioni proposte dalle Big Tech e dalle società FinTech
  5. Sono attenti alle tematiche ambientali e cercano di vivere una vita ecosostenibile in tutti i suoi aspetti: prestano attenzione alla raccolta differenziata, scelgono mezzi di trasporto poco inquinanti e optano per investimenti etici e socialmente responsabili.

A cura della redazione di OfNetwork