Bankitalia: a luglio +2,5% prestiti famiglie, frenata per imprese (-0,4%)
Conti e Carte | 18 settembre 2019

Bankitalia: a luglio +2,5% prestiti famiglie, frenata per imprese (-0,4%)

I prestiti delle banche italiane registrano a luglio ancora una crescita per quelli rivolti alle famiglie e una nuova frenata per le imprese. Lo rileva la Banca d’Italia, che registra anche un calo dei tassi di interesse sui prestiti erogati nel mese alle famiglie per l'acquisto di abitazioni.

Nel mese di luglio in Italia i prestiti del settore privato, corretti per tenere conto delle cartolarizzazioni e degli altri crediti ceduti e cancellati dai bilanci bancari, hanno registrato una crescita dello 0,8% rispetto allo stesso periodo del 2018, dopo il +0,4% messo a segno a giugno 2019. Tale andamento è dovuto soprattutto all’aumento dei prestiti alle famiglie, che sono saliti del 2,5% (+2,4% a giugno).

È quanto ha comunicato la Banca d’Italia, nel bollettino mensile “Banche e Moneta”, dal quale emerge che, sempre a luglio 2019, i prestiti alle società non finanziarie sono scesi dello 0,4%, dopo essere già scesi a giugno. Nello stesso periodo, invece, i depositi del settore privato hanno fatto segnare una crescita del 5,1% in confronto a un anno fa (+3,4% a giugno).

Tornando alle famiglie, sul fronte dei mutui per l’acquisto di abitazioni (comprese le spese accessorie), i tassi di interesse sui prestiti erogati per tale finalità sono stati pari al 2,09%, in calo rispetto al livello registrato a giugno, pari al 2,17%. Hanno avuto un leggero aumento, invece, i tassi di interesse sui nuovi prestiti alle società non finanziarie, pari a luglio all’1,37%, contro l’1,35% del mese precedente.

 

A cura della redazione de "Il Sole 24 ore"