Conti in rosso. Attenzione alle nuove regole
Conti e Carte | 10 marzo 2021

Conti in rosso. Attenzione alle nuove regole

Dal 1° gennaio 2021 sono state introdotte nuove modalità di classificazione a “default” dei clienti che sconfinano sul conto corrente per oltre 90 giorni. Bisogna superare la soglia di 100 euro e l’1% del totale delle esposizioni con la banca. Ma, in caso di eventi sporadici, non si rischia di essere segnalati immediatamente come “cattivi pagatori”. Ecco cosa cambia se si sfora il saldo.

Dal 1° gennaio 2021 è in vigore il nuovo Regolamento Eba (Autorità bancaria europea, un organismo dell'Unione europea che dal 2011 ha il compito di sorvegliare il mercato bancario) sui requisiti di capitale, che impone regole più stringenti sugli sconfinamenti di conto corrente e modifica i criteri di classificazione delle controparti inadempienti.

Cosa cambia

Le nuove modalità in materia di classificazione a default dei clienti prevedono, in pratica, che le banche possano definire come inadempiente il cliente che presenta un arretrato nei pagamenti per 90 giorni consecutivi (sono 180 per le amministrazioni pubbliche), il cui importo risulti superiore a una cosiddetta “soglia di rilevanza”. Due sono le condizioni che devono verificarsi contemporaneamente: bisogna superare la soglia assoluta fissata a 100 euro (500 per le imprese) e la soglia relativa pari all’1% del totale delle esposizioni verso il Gruppo bancario.

In questo secondo caso, stando a un esempio offerto dall’associazione dei consumatori Adiconsum, se la propria esposizione con la banca ammonta in totale a 100.000 euro, includendo per ipotesi un mutuo da 80.000 euro, 15.000 euro di prestito e 5.000 euro di spese con la carta di credito, la soglia da superare sarà l’1% del totale, cioè 1.000 euro.

Qualora si verificassero contemporaneamente queste due condizioni, dopo tre mesi di mancati pagamenti, il cliente con il conto in rosso rischia di essere classificato in “default” . Questo implica che anche gli addebiti automatici, come bollette e domiciliazioni, potrebbero non essere più consentiti se non si avrà sufficiente liquidità sul conto corrente.

Cosa si rischia

Tuttavia, anche se “in default”, non si rischia di essere immediatamente segnalati come “cattivi pagatori” alla Centrale Rischi. Le nuove regole, pensate per armonizzare la regolamentazione tra i diversi paesi dell’Unione Europea, infatti, prevedono anche che la segnalazione ai Sistemi di informazione creditizia (SIC) non venga effettuata in caso di eventi sporadici, ma solo qualora la situazione debitoria si protragga nel tempo. E dopo attenta valutazione.

Resta comunque anche un certo margine di discrezionalità per le banche, che possono continuare ad accettare, a loro scelta e in base a una valutazione del cliente, sconfinamenti oltre la disponibilità presente sul conto e, in caso di affidamento, oltre il limite di fido.

A cura della redazione di OFNetwork

 

Nuova definizione di default

Nuova definizione di default

Le nuove regole europee in materia di classificazione dei debitori in “default”.

Informati qui

Disclaimer area db Magazine

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo https://www.deutsche-bank.it/db-Magazine.html sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi.  Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.