Durante il lockdown per metà delle famiglie risparmio medio di 480 euro

Durante i mesi di lockdown, tra marzo e giugno, quasi una famiglia su due è riuscita a risparmiare, con una media di 480 euro in meno su alcune delle principali voci di spesa.

Tra marzo e giugno – periodo del lockdown in Italia – il 48,2% delle famiglie italiane – pari a circa 21 milioni di nuclei – è riuscita a risparmiare.
Secondo una indagine condotta Facile.it da mUp Research e Norstat, c’è stato un risparmio medio di 480 euro alla luce di minore spese per utenze, assicurazioni e prodotti finanziari. I costi ridotti con maggiore frequenza (14,4% del campione intervistato) sono quelli per l’Rc auto e la bolletta della telefonia mobile. Seguono il 10,2% che ha dichiarato di aver ridotto la bolletta elettrica e il 9,2% che ha abbassato quella del gas.
Tali risparmi sono stati determinati da diverse cause: in alcuni casi, come per l’Rc auto e moto, ha influito notevolmente la riduzione delle tariffe applicate dalle compagnie, in altri, come per le utenze elettriche, ha inciso la diminuzione del costo delle materie prime, mentre in altri ancora il risparmio è stato determinato da un atteggiamento più attivo dell’utente che, con maggior tempo a disposizione, ha potuto confrontare le varie offerte presenti sul mercato.

Se la percentuale nazionale è del 48,2%, ci sono alcune differenze a base territoriale: il valore più alto lo si trova tra le famiglie residenti nelle regioni del Centro Italia (52,8%). Sono invece 22,7 milioni le famiglie che non sono riuscite a ridurre le spese, con la percentuale di chi non ha risparmiato più alta tra i residenti nel Nord Ovest (55,7%), al Sud e nelle isole (51,7%). 

A cura della redazione de Il Sole 24 Ore 

Piani di Accumulo del Capitale

Piani di Accumulo del Capitale

 Versa piccole somme per realizzare grandi progetti.

Scopri di più