Pagare gli acquisti o il conto del ristorante senza passare dalla cassa. Il futuro dei pagamenti è “invisibile”
Lifestyle | 06 agosto 2019

Pagare gli acquisti o il conto del ristorante senza passare dalla cassa. Il futuro dei pagamenti è “invisibile”

Tutto è nato negli Stati Uniti con il primo supermercato senza casse firmato Amazon. Ora il business sembra in fase di espansione e altri attori si stanno attrezzando. In Italia, per esempio, è già attivo il primo ristorante “NoContanti” di Mastercard. Mentre Nexi sta studiando nuove soluzioni intelligenti per pagare senza accorgersene.

Il mondo dei pagamenti è in trasformazione. Soprattutto, da quando Big Tech come Amazon, Apple, Google e Samsung hanno fatto la loro comparsa con i servizi di pagamento “home-made” via telefono. E i nuovi pagamenti, sempre più invisibili, ora influenzano anche il nostro modo di pagare la spesa al supermercato o il conto al ristorante.

Tutto è iniziato negli Stati Uniti con il primo supermercato senza casse firmato Amazon. Il servizio Amazon Go permette di fare la spesa e uscire dal negozio senza passare dalla cassa, perché il conto viene direttamente addebitato sull’account del colosso dell’e-commerce e tutto il procedimento viene gestito via smartphone.

Ora, il business è in fase di espansione: anche altri attori si stanno attrezzando e arrivano in Italia i primi esempi di pagamenti senza contante e invisibili.

Mastercard, ad esempio, ha recentemente presentato all’interno dell’aeroporto di Fiumicino, insieme ad Aeroporti di Roma e MyChef, il suo primo Bistro by Mastercard.
Si tratta di un ristorante cashless, quindi che elimina completamente l’utilizzo del contante, in cui i clienti vengono accolti dal robot semi-umanoide Pepper. Il Bistro è dotato di un Priceless Touch Table, che integra la tecnologia di pagamento contactless: lo schermo del tavolo è interattivo ed è a disposizione dei commensali per ordinare le pietanze o tenersi aggiornati sul volo in partenza. Il conto, poi, si paga direttamente avvicinando carte e smartphone al tavolo, evitando quindi le file alla cassa.

Nexi, invece, sta studiando nuove soluzioni intelligenti per pagare senza accorgersene. Ad esempio, con XPay Pro, il prodotto per la gestione dei pagamenti e-commerce, viene offerto agli esercenti un pacchetto per accettare invisible payments. Una volta registrata la carta del cliente, si potrà procedere agli acquisti successivi senza inserire i dati del pagamento.

E la paytech italiana è anche al lavoro per sviluppare nuove esperienze di acquisto nei negozi fisici per, ad esempio, scegliere la merce da acquistare, scannerizzarne il bar-code via app e uscire senza passare dalla cassa grazie al pagamento automatico via smartphone.

A cura della redazione di OfNetwork