Neverending Tourism: come viaggeremo questa estate
Lifestyle | 01 aprile 2021

Neverending Tourism: come viaggeremo questa estate

È un nuovo modo di scoprire il mondo che, anche grazie al digitale, prolunga l’esperienza prima e dopo il soggiorno. I musei hanno già potenziato il palinsesto online con mostre virtuali. Gli host propongono video-lezioni di cucina o di yoga in diretta dall’India o dal Giappone. E gli hotel diventano sempre più hi-tech.

Il 2020 è stato un anno nero per i viaggi. Secondo i dati dell’Organizzazione mondiale per il Turismo gli arrivi internazionali sono crollati circa del 70%, 75%, riportando di fatto il settore indietro di oltre 30 anni. Quando ancora i voli low-cost non avevano fatto la loro comparsa sulla scena dando il via a uno dei fenomeni più importanti dell’economia moderna.
E mentre tutto il comparto è in ginocchio, già si pensa a forme nuove di vacanza, che potrebbero trasformare completamente il mercato.

Neverending Tourism

Secondo gli esperti dell’Osservatorio Innovazione Digitale nel Turismo del Politecnico di Milano, uno dei trend emersi nel 2020, e che si protrarrà anche nel prossimo futuro, è il “neverending tourism”. Un approccio completamente nuovo alla vacanza che diventa “slow”, lenta, e permette di vivere appieno i luoghi prolungando l’esperienza prima e dopo il soggiorno. Un concetto opposto rispetto al “mordi e fuggi” tipico di questi ultimi anni, che ha il pregio di creare un legame più forte con la destinazione attraverso esperienze digitali o con l’offerta di prodotti tipici di un territorio, da fruire nel pre-partenza o anche nel post-ritorno.

Il turismo diventa “digitale”

I contenuti virtuali creati in questi mesi di chiusura nazionale hanno, in un certo senso, fatto scuola. I principali musei del mondo si sono attivati creando un palinsesto su misura per i diversi tipi di pubblico così da permettere di vivere l’arte anche da casa. Alcuni hanno poi puntato su un’offerta formativa per bambini o su video-percorsi in realtà aumentata per offrire una visita delle gallerie.
Mentre gli host locali  da varie parti del mondo hanno iniziato a rendere disponibili, su apposite piattaforme online, esperienze 100% digitali per conoscere approfonditamente usi e costumi tradizionali. Ne sono nati corsi di cucina da remoto e in webconference con l’India o lezioni di meditazione con un esperto dal Giappone.
Secondo i dati diffusi a inizio anno dal Politecnico di Milano, infatti, il 40% degli utenti Internet ha già aumentato il tempo dedicato al video entertainment. Mentre il 42% delle strutture ricettive ha iniziato a offrire l’acquisto di prodotti enogastronomici o di artigianato locale, anche tramite e-commerce.

Non solo. Il digitale verrà in aiuto anche nella gestione concreta della vacanza. Tra le novità, quindi, verranno adottate in misura maggiore soluzioni di pagamento da mobile, sistemi per effettuare il check-in online o da app in autonomia e forme di assistenza tramite chatbot, oltre a tour virtuali delle camere.

A cura della redazione di OFNetwork

Scopri i Servizi Speciali del Private Banking

Scopri i Servizi Speciali del Private Banking

Scegliendo il Private Banking di Deutsche Bank entri in un circolo esclusivo che ti consente di accedere a soluzioni di elevato livello, con vantaggi e privilegi pensati per i Clienti con esigenze che vanno oltre i servizi d’investimento e di consulenza tradizionali.  

Scopri di più

Disclaimer area db Magazine

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo https://www.deutsche-bank.it/db-Magazine.html sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi.  Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.