Prestiti: cosa possiamo ottenere davvero per un’auto o una moto nuova

Con la crisi (quasi) alle spalle, le famiglie tornano ad acquistare beni durevoli e a richiedere prestiti finalizzati e personali. Obiettivo: soddisfare esigenze di spesa a lungo rimandate, come l’acquisto dell’auto nuova o della motocicletta tanto desiderata.
A trainare il mercato del credito, infatti, nel corso degli ultimi 12 mesi, sono stati proprio gli acquisti di auto e moto: con un incremento del 14,3% rispetto all’anno precedente. E le immatricolazioni sono incrementate di conseguenza, facendo registrare a fine anno un più 15,82%, secondo i dati diffusi dal Ministero dei Trasporti. 

Chi ha intenzione di cambiare auto, ma ha bisogno di un prestito, ha in realtà due strade: 

  1. si può optare per i finalizzati che si richiedono in concessionaria al momento dell’acquisto e  che finanziano per intero solo il costo del veicolo. 
  2. oppure, si può scegliere di attivare un finanziamento simile in banca: il prestito, in questo caso, copre fino al 100% del costo dell’auto o della moto, ma permette di richiedere, di norma, fino a un massimo di 30.000 euro, da restituire in non più di 84 mesi. Comunque per ottenere la somma è necessario presentare il preventivo di acquisto

Una volta ottenuta l’approvazione del credito, poi, i soldi possono venire accreditati sul conto corrente del richiedente, oppure erogati direttamente alla concessionaria. In questo modo, si possono finanziare l’acquisto di auto, moto e scooter ma anche camper, roulotte e veicoli commerciali nuovi, a chilometri zero o usati. Inoltre, tra i servizi extra abbinabili al credito vi è la possibilità di sottoscrivere una polizza a protezione del prestito, che tutela da eventualità spiacevoli che possono compromettere il rimborso. 

Infine, chi ha bisogno di una somma variabile, che copra il costo dell’auto nuova e garantisca anche qualcosa di più, può scegliere, sempre in banca, un prestito personale generico. In questo caso non è necessario specificare la finalità, cioè il motivo, per cui si richiede la somma, e non è nemmeno obbligatorio presentare il preventivo della concessionaria. Inoltre, talvolta, questo tipo di finanziamento senza finalità si può anche richiedere online.

A cura della redazione di OF Network