Ristrutturazioni edilizie: la nuova guida alle agevolazioni fiscali

La nuova legge di Bilancio ha definitivamente approvato le detrazioni fiscali destinate a chi ristruttura casa nel 2019: la guida punto per punto.

Ristrutturare casa entro fine anno, conviene. La Legge di Bilancio 2019 ha, infatti, ufficialmente prorogato (senza modifiche) i bonus fiscali già previsti per il 2018 e dedicati a chi ha la necessità di ristrutturare o arredare casa o apportare miglioramenti dal punto di vista energetico al proprio appartamento.

Ristrutturazioni

L’agevolazione fiscale più rilevante è quella per gli interventi di recupero del patrimonio edilizio. Come per gli anni precedenti, infatti, è stato mantenuto il Bonus sulle ristrutturazioni che consente di ottenere una detrazione Irpef pari al 50% dei lavori sostenuti e fino a un massimo di 96.000 euro, ripartita in 10 quote annuali.

Può essere richiesta per tutte le opere di ristrutturazione straordinaria, come, per esempio, il rifacimento del bagno, l’abbattimento di eventuali barriere architettoniche o il restauro di un edificio.
Ma per poterla ottenere è necessario pagare tutte le spese con l’apposito bonifico per detrazioni fiscali, in modo da mantenere traccia della transazione.

Eco Bonus

Anche gli sgravi per chi migliora l’efficienza energetica della propria abitazione sono stati mantenuti senza variazioni.

  • Entro il 31 dicembre 2019 si può ottenere una detrazione del 65% delle spese sostenute, per esempio, per l’acquisto di impianti di climatizzazione dotati di pompa di calore integrata o per l’acquisto di generatori d’aria calda a condensazione. 
  • Mentre resta al 50% l’agevolazione fiscale per la sostituzione di infissi e per la sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale con impianti dotati di caldaie a condensazione.

Bonus Mobili

Confermato anche il bonus mobili: si può detrarre fino al 50% delle spese sostenute per l’acquisto dei mobili destinati ad arredare l’appartamento oggetto di ristrutturazione.
Non solo: il bonus include anche i grandi elettrodomestici di classe energetica non inferiore alla A+ (A per i forni).

Bonus Verde

Prorogata, infine, l’agevolazione fiscale per la manutenzione di parchi e giardini privati: in questo caso si ottiene una detrazione del 36% delle spese sostenute, sia da parte dei privati che da parte dei condomini.

A cura della redazione di OfNetwork