Viaggi virtuali: vedere il mondo senza muoversi da casa

In un periodo in cui viaggiare è diventato impossibile a causa delle limitazioni necessariamente imposte dai vari Paesi per fronteggiare l’emergenza sanitaria, si può comunque ancora continuare a sognare di visitare nuovi angoli di mondo, sdraiati sul divano. Basta un computer e una connessione a Internet per ammirare il sito archeologico di Petra in Giordania, le mura del Cremlino, l’Isola di Pasqua…

L’eccezionale situazione che stiamo vivendo a causa dell’emergenza sanitaria in corso e le limitazioni imposte dai vari Paesi per contenere il contagio stanno rendendo molto difficile, se non impossibile, viaggiare. Ma con la tecnologia si può comunque non rinunciare a scoprire nuovi angoli di mondo. È il cosiddetto “turismo virtuale”, e consente di raggiungere quasi ogni posto in tempo reale, spostandosi da un continente all’altro, restando sdraiati sul divano di casa. Basta avere un pc e una connessione a Internet e navigare su Google Street View: una particolare funzionalità di Google Maps che, grazie a milioni di viste panoramiche a 360°, permette agli utenti di esplorare luoghi interessanti muovendosi a piacimento tra le vie delle varie città.

Così, basta un clic per trovarsi in Giordania, nel sito archeologico dell’antica città Nabatea, Petra (vedi foto in alto), patrimonio dell’Umanità per l’Unesco e eletta una delle sette meraviglie del mondo moderno. Spostandosi con il cursore del mouse si può percorrere virtualmente la via sacra, cioè il Siq lungo circa 1,2 km, che è di fatto una stretta gola che sorge in mezzo a pareti di roccia vertiginose, alte anche 200 metri, fino a scorgere la facciata del Tesoro, cioè la tomba forse più famosa di Petra, interamente scavata nella roccia di arenaria rosa.

Con un clic, ci si dirige a Mosca e si entra (senza code) all’interno delle mura del Cremlino, la cittadella fortificata posta nel centro storico della capitale russa e sede delle istituzioni governative nazionali, nonché uno dei principali e meglio conservati complessi storici della nazione. Si può quindi passeggiare nella Piazza delle Cattedrali, ammirando le cupole dorate delle chiese e l’imponente campanile di Ivan il Grande, che un tempo era la struttura più alta di tutta la Russia.

O ancora, si può entrare all’interno della Casa Bianca, a Washington, iconica residenza e ufficio principale del presidente degli Stati Uniti d'America, percorrendo i corridoi a piacimento, scegliendo la direzione da seguire e le sale da visitare, proprio come se ci si trovasse di persona sul posto.

Su Heritage on Edge, l’ultima iniziativa del colosso americano dell’IT che rientra nel progetto Google Arts And Culture, invece, si possono esplorare da vicino 5 luoghi simbolo dell’umanità, eletti patrimonio dall’Unesco o le cui peculiarità coincidono con l'identità stessa di una specifica comunità, minacciati oggi dal cambiamento climatico in corso. Si passa da Rapa Nui, l’Isola di Pasqua, dove passeggiare tra le statue monumentali che l’hanno resa celebre, al sito archeologico dell’antica città di Chan Chan in Perù: la più grande città precolombiana dell'America meridionale che copre un'area di circa 20 km².

 

A cura della redazione di "OfNetwork"