Elit July 15, 2021

Attese positive dai mercati emergenti asiatici

La forte propensione all’export, sostenuta dalla ripresa della domanda nei mercati dell’Occidente, è il traino per lo sviluppo dell’economia in gran parte dei Paesi Emergenti asiatici. Prospettive positive - ma con cautela - anche per la Cina.

A cura del Team CIO & Consulenza Avanzata di Deutsche Bank – International Private Bank (IPB).


Alcuni Paesi asiatici emergenti stanno sperimentando infezioni giornaliere di COVID-19 relativamente elevate e i tassi di vaccinazione sono generalmente ancora bassi rispetto ai Paesi sviluppati. Tuttavia, le loro economie sono ancora meno colpite dal COVID-19 rispetto allo scorso anno, poiché molte delle attuali misure di blocco sono molto mirate e localizzate. La maggior parte dei Paesi Emergenti asiatici è orientata all'esportazione ed è quindi pronta a beneficiare di ulteriori recuperi della domanda esterna, in particolare dalla riapertura dei mercati sviluppati.

elit_scenari_asia

Prevediamo rendimenti migliori nelle azioni dell'Asia escluso il Giappone (AXJ) rispetto alle azioni dei mercati sviluppati nei prossimi 12 mesi. All'interno di AXJ, siamo sovra pesati sui mercati di Cina e Corea del Sud, siamo neutrali nei confronti del mercato indiano e siamo sotto pesati su ASEAN e Taiwan. I tassi di vaccinazione della Cina sono più alti rispetto ad altre economie asiatiche, il che dovrebbe supportare la ripresa della domanda interna. Le azioni cinesi (in particolare la tecnologia cinese) hanno subìto correzioni negli ultimi mesi e questo potrebbe fornire un buon punto di ingresso per gli investitori a lungo termine. Per quanto riguarda il settore obbligazionario, rimaniamo costruttivi sul credito dei mercati emergenti asiatici, poiché dovrebbe essere supportato dal miglioramento dei fondamentali economici, da un clima di mercato ancora accomodante e dalla “caccia al rendimento” degli investitori.

Le nostre previsioni sul PIL cinese rimangono invariate all'8,7% per quest'anno e al 5,5% nel 2022. Riteniamo che l'economia cinese sarà sostenuta dalla crescita delle esportazioni e dal miglioramento dei consumi. La crescita del PIL cinese è stata del 12,7% su base annua nella prima metà dell'anno. Abbiamo assistito a una ripresa irregolare in diversi settori dell'economia. La crescita dei consumi è stata inferiore alle aspettative. Alcune città cinesi hanno visto alcuni focolai di COVID-19 che hanno influito sui consumi nel mese di giugno. La domanda repressa per gli acquisti di articoli di fascia alta (come automobili e telefoni cellulari) è stata ora soddisfatta. Tuttavia, riteniamo che i consumi contribuiranno a guidare l'economia nella seconda metà di quest'anno, dati i maggiori risparmi delle famiglie rispetto allo scorso anno, le migliori condizioni del mercato del lavoro e la continua normalizzazione dei settori dei servizi.

Anche i tassi di vaccinazione in Cina stanno aumentando rapidamente, il che dovrebbe supportare la ripresa dei consumi.
Le esportazioni e l'espansione degli investimenti rimangono solide. La crescita delle esportazioni è cresciuta del 32,2% anno su anno a giugno (vs. 27,9% a maggio). La domanda esterna, soprattutto per i prodotti meccanici ed elettrici, è stata forte. Particolarmente cresciute le esportazioni verso l'UE e il Sud-Est asiatico. Riteniamo che la crescita delle esportazioni sarà sostenuta nel resto del 2021 dalla continua riapertura economica negli Stati Uniti e in Europa.

La PBoC cinese ha sorpreso i mercati tagliando l'RRR (Reserve Requirement Ratio) di 50 bps all'inizio di luglio. Questa mossa riflette un aggiustamento nell'approccio di politica monetaria restrittiva della PBoC nella prima metà dell'anno. Il taglio dell’RRR funge da strumento preventivo contro un possibile rallentamento interno, soprattutto dei consumi. Il tasso medio RRR della Cina è ora all'8,9% e potremmo vedere ulteriori tagli nei prossimi mesi. Tuttavia, le politiche della PBoC potrebbero diventare più flessibili, in funzione dell'evoluzione delle pressioni inflazionistiche a livello nazionale.

Non riteniamo che dovrebbe esserci un cambiamento nelle nostre prospettive complessivamente positive per la Cina, ma dovrebbe esserci più prudenza. L’azionario Asia ex Giappone è ancora attraente per noi grazie al rapporto prezzo/utili più basso rispetto all'Europa e agli Stati Uniti. Detto questo, a causa di ciò che sta accadendo nella regione, riteniamo che ci sarà volatilità nei prossimi mesi sui mercati azionari.


Disclaimer articoli elit

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo www.deutsche-bank.it/news/detail/elit sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi. Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.