La Pandemia riguarda anche la tua sicurezza informatica

Difenditi dalle nuove minacce della rete

La Pandemia riguarda anche la tua sicurezza informatica!

In questo periodo di emergenza sanitaria, sociale ed economica, il Covid-19 sta diventando un rischio anche per la nostra sicurezza informatica. Il cybercrime sta infatti sfruttando questo momento difficile per sviluppare minacce sempre più precise e sofisticate, le cui vittime sono spesso i privati e lavoratori in smart working. In caso di dubbi chiama:

Servizio Clienti (+39) 02 6995

Deutsche Bank ti vuole supportare con alcuni consigli

SIM SWAP

La SIM SWAP è una tipologia di frode informatica molto avanzata e strutturata in varie fasi:

  1. una volta individuata la vittima, il frodatore acquisisce illegittimamente i suoi dati, in quanto non custoditi con cura o non mantenuti riservati
  2. successivamente, utilizzando documenti falsificati ad hoc, il frodatore sostituisce la carta sim contattando l'operatore telefonico scelto dalla vittima 
  3. il frodatore è ora in grado di operare con lo stesso numero di telefono della vittima e può ottenere i codici necessari per autorizzare gli acquisti con la sua carta di credito.

Come ci si può accorgere in tempo utile di essere vittima di un attacco di SIM swapping?

Il primo indizio è l'improvvisa assenza di segnale del cellulare dovuta all'impossibilità di connettersi al network dell'operatore telefonico; in altre parole “non c'è più campo”.

Quindi, se di punto in bianco il segnale svanisce è consigliabile fare subito un rapido controllo: spegnere e riaccendere il proprio dispositivo.
Se, fatto ciò, il segnale non torna subito, probabilmente c'è un problema ed il consiglio è quello di chiamare subito i numeri dell'assistenza clienti della carta di credito.


CONSIGLIO

Considerato che i frodatori sono in grado di alterare i dati in modo che risultino essere provenienti da qualsiasi recapito (quindi anche da una banca), qualora venissi contattato da numeri di telefono, sms o email, NON FORNIRE MAI CODICI AUTORIZZATIVI, PIN o altri dati di tua esclusiva conoscenza e custodia e, per qualsiasi incertezza o verifica, chiama preventivamente il numero ufficiale dell’assistenza (o scrivi agli indirizzi email ufficiali) indicati nei portali della tua banca o nella documentazione in tuo possesso. In caso di dubbio blocca immediatamente la tua carta assicurandoti del buon fine dell’operazione.

Qui di seguito i riferimenti di Deutsche Bank:

La carta di credito è utilizzata sempre più di frequente come strumento di pagamento online.

AVVISO

Diffida da telefonate che sembrano provenire da Deutsche Bank, in cui ti vengono chiesti codici temporanei per bloccare alcuni acquisti su internet (OTP) o qualsiasi altra informazione che consenta operazioni dispositive sulla tua carta.

Esempi di messaggi che autorizzano (e non bloccano) l'acquisto: 

In generale, presta sempre molta attenzione al testo del messaggio che ti perviene unitamente al codice OTP in cui viene descritta l'operazione che stai per autorizzare. 


CONSIGLIO n° 1

Considerato che i frodatori sono in grado di alterare i dati in modo che risultino essere provenienti da qualsiasi recapito (quindi anche da una banca), qualora venissi contattato da numeri di telefono, sms o email, NON FORNIRE MAI CODICI AUTORIZZATIVI, PIN o altri dati di tua esclusiva conoscenza e custodia e, per qualsiasi incertezza o verifica, chiama preventivamente il numero ufficiale dell’assistenza (o scrivi agli indirizzi email ufficiali) indicati nei portali della tua banca o nella documentazione in tuo possesso. In caso di dubbio blocca immediatamente la tua carta assicurandoti del buon fine dell’operazione.

Qui di seguito i riferimenti di Deutsche Bank:

CONSIGLIO n° 2

Per ridurre i rischi di frode è consigliabile far sì che la propria carta venga maneggiata dal minor numero di persone possibile ed effettuare spese su Internet su un numero ridotto di siti conosciuti o che abbiano un minimo di credibilità.

CONSIGLIO n° 3

Per un buon uso della carta di credito online suggeriamo di seguire alcune accortezze:

1) Verificare che i siti dediti al commercio elettronico utilizzino protocolli di sicurezza per identificare l’utente utilizzando una connessione sicura.

2) Evitare di dare troppe informazioni personali o relative al proprio conto corrente non necessarie per la transazione.

3) Attivare il servizio SMS Alert così da poter controllare le spese addebitate sulla carta di credito in tempo reale e accorgersi tempestivamente di eventuali spese non autorizzate.

4) Verificare con attenzione gli estratti conto segnalando immediatamente ogni transazione sconosciuta.

Per creare una password efficace bisogna seguire i seguenti accorgimenti ricordandosi di NON utilizzare mai:

  • I nomi o “nomignoli” dei familiari o degli animali domestici
  • Le date di nascita dei familiari
  • Le sequenze “123456….”
  • La parola “password”
  • Il nome della squadra di calcio preferita, del team F1…….

Cercare invece di aumentare la lunghezza delle password, solitamente limitata a massimo 8 caratteri, portandola a 14 inserendo maiuscole e/o minuscole, numeri e un carattere speciale (es. $, £, %......)


 

Le chat di gruppo raccolgono una grande quantità di dati personali forniti spesso inconsapevolmente dagli utenti. 

CONSIGLIO

Non fornire nelle chat di gruppo i propri dati personali, utenti ignoti potrebbero utilizzarli come punto di partenza per ricavare le proprie password.

Se non necessario al servizio richiesto non inserire il numero di cellulare tra i dati personali.

E’ una particolare tipologia di truffa realizzata sulla rete Internet attraverso l’inganno degli utenti.
Si concretizza principalmente attraverso messaggi di posta elettronica ingannevoli che invitano il destinatario a fornire i propri dati di accesso ad un particolare servizio (es. home banking, web-mail, e-commerce).

CONSIGLIO

Diffida dalle mail che contengono link a siti dove viene richiesto l’inserimento di dati personali, come ad esempio password, numero di carta di credito, codici identificativi/dispositivi, tramite token ecc…. anche se simili graficamente alle comunicazioni della Banca.

Ricorda, Deutsche Bank non chiede e non chiederà mai questo tipo di info tramite mail.

Hai mai perso il tuo smartphone, la tua videocamera o il tuo pc? Basta un piccolo incidente o guasto per perdere i dati e i ricordi a cui tieni di più!
Dati, documenti, mail e ricordi sono facili da perdere.

CONSIGLIO

Ricordati sempre di salvare regolarmente tutti i tuoi dati su più supporti, per ovviare alla rottura o perdita del pc o smartphone e ad un attacco di un virus.

Virus, Worm, Trojan Horses, Spyware sono programmi concepiti per invadere, danneggiare, sottrarre e nei casi più estremi cancellare dati personali.

CONSIGLIO

Dotare il proprio computer di un valido programma antivirus, firewall e patch di sicurezza, e provvedere al loro costante aggiornamento.

Il virus informatico é un software che ha la capacità di auto-replicarsi e, una volta scrittosi sui dischi, di effettuare una serie di operazioni sul pc ospitante più o meno dannose che vanno dalla visualizzazione sul video di un messaggio fino alla cifratura del contenuto del disco fisso rendendolo così inutilizzabile.

Ogni giorno vengono creati nuovi virus che, con lo sviluppo della rete Internet, si diffondono con elevata rapidità: risulta quindi fondamentale non solo installare sul proprio pc un buon antivirus ma anche aggiornarlo frequentemente.


I firewall sono degli strumenti, sia di tipo hardware che software, che consentono di vigilare sullo scambio di dati tra il nostro pc o la nostra rete locale ed il mondo esterno.
I firewall sono programmabili con una serie di regole tali da inibire, ad esempio, il traffico di dati proveniente dall'esterno e diretto verso alcune porte del nostro pc solitamente utilizzate per porre in essere intrusioni telematiche.

 

Il principale veicolo di diffusione dei virus é la posta elettronica, o, meglio, i file allegati ai messaggi di posta elettronica.
Si precisa che non é possibile infettare il nostro computer leggendo semplicemente il testo di una e-mail, ma é necessario eseguire il file infetto che potremmo trovare allegato alle e-mail che riceviamo.

Infatti, un virus può trasmettersi tramite file eseguibili (programmi con estensione exe, com, drv e dll) o contenenti una parte di codice che viene eseguita (esempio, documenti in formato word che contengono macro).

CONSIGLIO

Controlla innazitutto se la mail ti arriva da un mittente sconosciuto, sospetto o con un nome improbabile.
Fai altresì attenzione alla tipologia degli allegati che spesso affollano le caselle di posta elettronica. Se hai dei dubbi, cancella l'email o, tutt'al più, salva l'allegato in un supporto di memoria, per poi analizzarlo con un antivirus.

Il fatto di cononoscere il mittente della email ricevuta, NON é di per se sufficiente a metterci al riparo dall'eventuale contagio tramite file allegati, poiché alcuni tipi di virus prelevano dal pc infettato gli indirizzi di posta elettronica registrati nel client di posta elettronica ed inviano a questi una mail a nostro nome contenente in allegato un file con il virus.

I destinatari di tali messaggi potrebbero aprirli (allegato compreso) senza utilizzare alcuna precauzione, forti della sicurezza che gli deriva dal conoscere il mittente.

CONSIGLIO

Controllare se i messaggi email che ricevi siano stati inviati volontariamente dal mittente: nel caso, prima di aprirli, accertati telefonando al mittente stesso.

con DB MAGAZINE

La Pubblica Amministrazione diventa digitale. Cos'è e come funziona Spid
Tecnologia e sicurezza | 07 ottobre 2020

La Pubblica Amministrazione diventa digitale. Cos'è e come funziona Spid

Nei prossimi 5 mesi, cioè entro fine febbraio 2021, come prevede il decreto-legge Semplificazioni, è necessario dotarsi di un sistema di identità digitale per accedere a tutti i servizi della pubblica amministrazione. E già dal primo ottobre, lnps non rilascia più il codice Pin come credenziale di accesso. Ecco cosa fare.

Leggi l’articolo completo
Svolta digitale per 20% delle micro imprese italiane
Tecnologia e sicurezza | 16 luglio 2020

Svolta digitale per 20% delle micro imprese italiane

Durante le misure di isolamento imposte per far fronte all’emergenza coronavirus, una micro impresa italiana su 5, a fronte della chiusura della propria attività, ha cercato canali di distribuzione alternativa.

Leggi l’articolo completo
Crollano le vendite di smartphone, aumentano i prodotti per lo smart working
Tecnologia e sicurezza | 10 luglio 2020

Lo shopping hi-tech dopo il lockdown: meno smartphone e più supporti per l'ufficio (da casa)

Solo in Italia le vendite di telefonini sono crollate del -13% nel primo trimestre 2020, rispetto allo stesso periodo di un anno fa. E mentre un consumatore su tre, su scala globale, intende ridurre del 20% la spesa per l'acquisto di un nuovo smartphone, aumentano (secondo i dati di una ricerca di Gfk) gli acquisti di pc e di tutti i servizi e supporti per il lavoro, lo studio e lo shopping a distanza.

Leggi l’articolo completo