Sicurezza informatica

I consigli di Deutsche Bank per evitare situazioni spiacevoli.

Sicurezza informatica: i consigli di Deutsche Bank per evitare situazioni spiacevoli

Ogni giorno assistiamo alla creazione di nuovi virus e ad attacchi cyber che diventano sempre più complessi e articolati. Deutsche Bank vuole supportare la propria clientela con alcuni consigli per chi utilizza smartphone, dispositivi elettronici o per chi naviga online. In caso di dubbi chiama:

Servizio Clienti (+39) 02 6995 (opzione 3)

E’ una particolare tipologia di truffa realizzata sulla rete Internet attraverso l’inganno degli utenti.
Si concretizza principalmente attraverso messaggi di posta elettronica ingannevoli che invitano il destinatario a fornire i propri dati di accesso ad un particolare servizio (es. home banking, web-mail, e-commerce).

CONSIGLIO

Diffida dalle mail che contengono link a siti dove viene richiesto l’inserimento di dati personali, come ad esempio password, numero di carta di credito, codici identificativi/dispositivi, tramite token ecc…. anche se simili graficamente alle comunicazioni della Banca.

Ricorda, Deutsche Bank non chiede e non chiederà mai questo tipo di info tramite mail.

Hai mai perso il tuo smartphone, la tua videocamera o il tuo pc? Basta un piccolo incidente o guasto per perdere i dati e i ricordi a cui tieni di più!
Dati, documenti, mail e ricordi sono facili da perdere.

CONSIGLIO

Ricordati sempre di salvare regolarmente tutti i tuoi dati su più supporti, per ovviare alla rottura o perdita del pc o smartphone e ad un attacco di un virus.

Virus, Worm, Trojan Horses, Spyware sono programmi concepiti per invadere, danneggiare, sottrarre e nei casi più estremi cancellare dati personali.

CONSIGLIO

Dotare il proprio computer di un valido programma antivirus, firewall e patch di sicurezza, e provvedere al loro costante aggiornamento.

Il virus informatico é un software che ha la capacità di auto-replicarsi e, una volta scrittosi sui dischi, di effettuare una serie di operazioni sul pc ospitante più o meno dannose che vanno dalla visualizzazione sul video di un messaggio fino alla cifratura del contenuto del disco fisso rendendolo così inutilizzabile.

Ogni giorno vengono creati nuovi virus che, con lo sviluppo della rete Internet, si diffondono con elevata rapidità: risulta quindi fondamentale non solo installare sul proprio pc un buon antivirus ma anche aggiornarlo frequentemente.


I firewall sono degli strumenti, sia di tipo hardware che software, che consentono di vigilare sullo scambio di dati tra il nostro pc o la nostra rete locale ed il mondo esterno.
I firewall sono programmabili con una serie di regole tali da inibire, ad esempio, il traffico di dati proveniente dall'esterno e diretto verso alcune porte del nostro pc solitamente utilizzate per porre in essere intrusioni telematiche.

 

Il principale veicolo di diffusione dei virus é la posta elettronica, o, meglio, i file allegati ai messaggi di posta elettronica.
Si precisa che non é possibile infettare il nostro computer leggendo semplicemente il testo di una e-mail, ma é necessario eseguire il file infetto che potremmo trovare allegato alle e-mail che riceviamo.

Infatti, un virus può trasmettersi tramite file eseguibili (programmi con estensione exe, com, drv e dll) o contenenti una parte di codice che viene eseguita (esempio, documenti in formato word che contengono macro).

CONSIGLIO

Controlla innazitutto se la mail ti arriva da un mittente sconosciuto, sospetto o con un nome improbabile.
Fai altresì attenzione alla tipologia degli allegati che spesso affollano le caselle di posta elettronica. Se hai dei dubbi, cancella l'email o, tutt'al più, salva l'allegato in un supporto di memoria, per poi analizzarlo con un antivirus.

Il fatto di cononoscere il mittente della email ricevuta, NON é di per se sufficiente a metterci al riparo dall'eventuale contagio tramite file allegati, poiché alcuni tipi di virus prelevano dal pc infettato gli indirizzi di posta elettronica registrati nel client di posta elettronica ed inviano a questi una mail a nostro nome contenente in allegato un file con il virus.

I destinatari di tali messaggi potrebbero aprirli (allegato compreso) senza utilizzare alcuna precauzione, forti della sicurezza che gli deriva dal conoscere il mittente.

CONSIGLIO

Controllare se i messaggi email che ricevi siano stati inviati volontariamente dal mittente: nel caso, prima di aprirli, accertati telefonando al mittente stesso.

con DB MAGAZINE

Arrivano gli AISP. Ecco cosa sono e cosa fanno
Tecnologia e sicurezza | 21 febbraio 2019

Arrivano gli AISP. Ecco cosa sono e cosa fanno

Con l’entrata in vigore della direttiva europea sui sistemi di pagamento, nel 2019 inizieranno a diffondersi nuovi operatori. Come ad esempio gli AISP. Cioè aggregatori di dati che forniranno una visione d’insieme delle nostre finanze. Ecco come funzionano.

Leggi l’articolo completo
PISP: il mondo dei pagamenti si popola di nuovi operatori. Chi sono e cosa fanno.
Tecnologia e sicurezza | 18 gennaio 2019

PISP: il mondo dei pagamenti si popola di nuovi operatori. Chi sono e cosa fanno.

La Direttiva europea sui servizi di pagamento (“PSD2”) introduce e regolamenta l’operatività di nuovi servizi all’interno del mercato dei pagamenti, normando di fatto i cosiddetti “Third Party Providers” che si interfacciano, previo consenso del cliente, direttamente con la Banca di radicamento del conto. Tra i nuovi servizi regolamentati dalla PSD2 vi sono i cosiddetti PISP (Payment Initiation Service Providers) che permettono di trasferire denaro ed effettuare pagamenti a valere sul conto di pagamento del cliente. Ecco come funzionano.

Leggi l’articolo completo
Home banking: arriva l’
Tecnologia e sicurezza | 28 dicembre 2018

Home banking: arriva l’Autenticazione Forte. Ecco cos’è.

La PSD2, la nuova direttiva europea sui servizi di pagamento, introduce importanti novità in termini di sicurezza per chi utilizza i canali online per l’operatività bancaria. A partire dal 14 settembre 2019, infatti, sarà obbligatoria la “Strong Customer Authentication”. Ecco come funziona, per quali operazioni sarà richiesta e perché è più sicura, ma anche più semplice da usare.

Leggi l’articolo completo