Db Magazine January 12, 2022

Le nuove regole per lo smart working. Ecco cosa cambia

Diritto alla disconnessione, sicurezza, strumenti appropriati, carriera. Il 7 dicembre oltre 20 organizzazioni sindacali e datoriali hanno sottoscritto il "Protocollo Nazionale sul lavoro in modalità agile" nel settore privato

Sebbene sia da anni che si parla di smart working, è con la pandemia che il lavoro da casa ha iniziato ad essere utilizzato per la prima volta su scala nazionale. Nel 2020 l’Italia si è posizionata al 13° posto per l’uso del lavoro agile in Europa (non era nemmeno nella top 15 nel 2019), secondo i dati raccolti da Eurostat (l’Ufficio statistico dell'Unione Europea). Con vantaggi enormi, non solo in termini di salute pubblica e sicurezza, ma anche per quanto riguarda il risparmio economico, sia di dipendenti che di imprese.

640x343_dbmag_smartworking

Nonostante nel corso dell’ultimo anno questa modalità sia diventata lo standard, soprattutto per chi lavora nella Pubblica Amministrazione e in uffici privati, a mancare erano ancora chiare e precise linee guida per la sua applicazione.

Così, il 7 dicembre scorso, oltre 20 organizzazioni sindacali e datoriali hanno sottoscritto con il ministro del Lavoro Andrea Orlando il "Protocollo Nazionale sul lavoro in modalità agile" nel settore privato, che ha il compito di definire, in modo preciso, i confini entro i quali si dovranno muovere gli accordi di settore, aziendali e individuali. Ma serve una precisazione: le nuove regole entreranno in vigore al termine dell’emergenza sanitaria (attualmente la data è fissata al 31 marzo 2022). Fino ad allora, infatti, per quanto riguarda il settore privato, il Governo consentirà ai datori di applicare il lavoro agile in modalità semplificata. Vale a dire, che potrà essere esteso a ogni rapporto subordinato, anche in assenza di accordi individuali e di obblighi di informativa in materia di sicurezza.

Le nuove regole

Innanzitutto, si legge nel nuovo Protocollo Nazionale, l’adesione deve avvenire su base volontaria. Il dipendente può scegliere di recedere il contratto e tornare in presenza in qualsiasi momento, mentre non sono previste variazioni relativamente al trattamento economico e alla progressione di carriera. Va inoltre considerato che il lavoro agile è diverso dal telelavoro, che prevede infatti l’esecuzione da casa della stessa attività svolta in ufficio, con gli stessi orari e modalità, e per il quale continua ad applicarsi la vigente disciplina normativa.

Nello specifico, la prestazione da remoto è quindi subordinata alla sottoscrizione di un accordo individuale in cui vengano definite chiaramente tutte le modalità di lavoro e controllo da parte del datore. Non solo. Deve essere indicata la durata dell’accordo (a termine o a tempo indeterminato) e specificata l’eventuale alternanza tra i periodi di lavoro svolti all’interno e all’esterno dei locali aziendali. Si devono elencare i luoghi esclusi per lo svolgimento dell’attività, se è prevista la fornitura o meno degli strumenti necessari (come Pc o stampanti), e quali sono i tempi di riposo. Anche le modalità di controllo della prestazione devono essere esplicitate.

Cosa cambia

Così, per esempio, l’impiegato è libero di individuare autonomamente il luogo dove svolgere la sua mansione in modalità agile, a patto però che abbia caratteristiche tali da consentire la regolare esecuzione in condizioni di sicurezza e riservatezza. Tutta la strumentazione tecnologica e informatica è, di norma, fornita direttamente dall’azienda (salvo diversi accordi). L’organizzazione è autonoma, si lavora per fasce orarie e i tempi possono essere scelti liberamente dal dipendente, in accordo con l’azienda solo per quanto riguarda eventuali riunioni o meeting. Va poi garantita la fascia di disconnessione, durante la quale il dipendente non deve essere disturbato. Inoltre, anche chi è in smart working ha diritto alla tutela contro infortuni e malattie professionali. Le ferie si maturano allo stesso modo e si possono richiedere permessi per particolari necessità proprio come se ci si trovasse in ufficio.

A cura di OF Network


Sappiamo sempre come esserti vicino

Nuova App DB Le Mie Carte

La Mia Banca

Finanziamenti a distanza

App La Mia Banca

Con le nostre Carte fai acquisti in sicurezza, anche da casa

Pagamenti digitali con smartphone


Disclaimer area db Magazine

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo https://www.deutsche-bank.it/news/detail/dbmagazine sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi.  Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.