db Premium Magazine CIO View September 26, 2022

Elezioni italiane: le prossime sfide

Come previsto, la coalizione di centro destra (fra Fratelli d'Italia, Lega, Forza Italia e Noi Moderati) ha vinto le elezioni politiche.

640X343_CIO_SPECIAL_RECOVERY_PLAN_ITALIA

Cosa è successo?

Come risultava dagli ultimi sondaggi disponibili, la coalizione di destra guidata da Fratelli d'Italia (FDI) ha vinto le elezioni con il 44,4% dei voti: nella coalizione FDI ha vinto il 26,48%, la Lega il 9%, Forza Italia 7,99% e Noi Moderati 0,93% ma non sembra raggiungere la maggioranza del 75% alla Camera e al Senato.

L'affluenza alle urne è stata la più bassa di sempre: 63,9% rispetto al 73% del 2018.

Sergio Mattarella, Presidente della Repubblica, nelle prossime settimane terrà incontri con tutti i partiti coinvolti nelle elezioni e darà mandato al leader della coalizione vincente di trovare alleati e formare un governo: durante il campagna elettorale, la coalizione ha dichiarato che chiunque avesse ottenuto la quota più alta di voti sarebbe diventato il leader de facto.

I partiti avversari non erano riusciti a formare una coalizione per disaccordi sui programmi: il Movimento Cinque Stelle, ha comunque ottenuto il 14,81% dei voti, dopo aver governato con il Partito Democratico (PD) da settembre 2019 a febbraio 2021 a cui è succeduto il Governo Draghi. Da allora entrambi i partiti hanno sostenuto questo governo fino allo scorso luglio, quando il Movimento Cinque Stelle ha ritirato il proprio sostegno insieme a Lega e Forza Italia (Fratelli d'Italia è rimasto all'opposizione dalle ultime elezioni politiche del 2018). Per questo il Pd decise di non mantenere l'alleanza con il Movimento Cinque Stelle, e ha formato una coalizione che ottiene il 26,5% dei voti: PD 19,4%, Alleanza Verdi e Sinistra 3,68%, +Europa 2,87%, Impegno Civico 0,59%.

All'inizio della campagna elettorale era stato firmato un accordo tra PD e Azione (partito centrista guidato da Calenda, già ministro dello Sviluppo economico nel governo Renzi) ma è stato cancellato dopo un pochi giorni a causa di disaccordi sulle alleanze. Azione e Italia Viva (partito dell'ex premier Renzi) hanno corso insieme e hanno ottenuto il 7,7% dei voti.

Come ha reagito il mercato?

Nessun movimento di rilievo sugli indici azionari e, soprattutto, sui BTP italiani. Lo spread tra BTP a 10 anni e Bund a 10 anni è rimasto stabile intorno ai 233 pb.

I sondaggi hanno indicato che una vittoria della coalizione di centro- destra era una realtà mesi fa e la breve campagna elettorale non ha riservato molte sorprese sulla questione del consenso.

Che cosa significa per gli investitori?

Le elezioni generali di domenica si sono svolte per la seconda volta con le regole approvate nel 2017, che teoricamente incoraggiano la formazione di coalizioni elettorali, ma, dopo la riforma costituzionale del 2020, il numero totale dei parlamentari è stato ridotto a 600 (da 945). Anche l'elettorato è stato modificato nel 2021 eliminando la differenza di età per votare al Senato o alla Camera.

Come previsto dalla Costituzione italiana, il neoeletto Parlamento si riunisce per la prima volta entro 20 giorni dall'elezione. In pratica il Presidente della Repubblica terrà consultazioni per promuovere la formazione del nuovo Governo. Dopo la nomina del Presidente del Consiglio e, su sua indicazione, dei Ministri, il nuovo Governo dovrà ottenere entro 10 giorni l'approvazione del Parlamento.

Considerando le tempistiche previste dalla legge, il primo banco di prova del Governo sarà l'approvazione del bilancio 2023 entro fine anno. L'amministrazione Draghi aveva previsto un disavanzo del 3,9% del PIL, un numero più alto potrebbe generare preoccupazione all'interno della Commissione Europea. Questo vale anche per altre misure fiscali incluse nei programmi elettorali dei partiti della coalizione di centro-destra come la flat tax e la riforma delle pensioni.

Il nuovo Governo, nell'ipotesi di rispetto delle tempistiche previste per la formazione, potrebbe così disporre di circa 2 mesi per redigere la legge di bilancio.

Fondamentale sarà anche il raggiungimento degli obiettivi PNRR al fine di sbloccare la terza tranche dei fondi previsti dal NextGenEU (NGEU). Il Presidente della Repubblica Mattarella ha affermato chiaramente che l'attuazione del PNRR rientra tra le attività correnti che il Governo uscente porta avanti. Tuttavia, l'Italia deve soddisfare 54 condizioni fino alla fine dell'anno per assicurarsi la 3a tranche (19 miliardi di euro), dopo che la Commissione Europea ha dato luce verde allo sblocco della seconda tranche venerdì, pari a 21 mld. EUR. Però la leader di Fratelli d’Italia ha già chiesto più volte un cambiamento nella struttura del PNRR che potrebbe causare un ritardo nella tempistica delle riforme e ulteriori negoziati con la Commissione UE considerando che solo una parte del piano (ca. 11 miliardi di euro) può essere riassegnata a priorità diverse.

Il contesto di minore crescita in Europa a causa della guerra in Ucraina, della crisi energetica e delle pressioni inflazionistiche relative può influenzare ulteriormente la crescita del PIL italiano e il sentiment dei consumatori.

La distribuzione dei ministeri all'interno della coalizione di destra, le decisioni di politica fiscale del nuovo governo e l'attuazione del PNRR rimarranno un elemento chiave che avrà un impatto sui mercati azionari e sullo spread del debito pubblico.

Per prevenire un'altra crisi, l'Italia ha bisogno di una crescita del PIL nominale per tenere il passo con l'aumento dei tassi di interesse. La sostenibilità del debito sarà seguita da vicino dai mercati e le decisioni di politica fiscale avranno un impatto sul sentiment.

Key takeaways

  • Come previsto, la coalizione di centro-destra (fra Fratelli d'Italia, Lega, Forza Italia e Noi Moderati) ha vinto le elezioni politiche
  • Il prossimo passo è formare un governo dopo che il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella avrà affidato al leader del partito di maggior successo della coalizione il compito di trovare alleati per formare un governo
  • La composizione del governo, ovvero chi guiderà i ministeri chiave, sarà fondamentale per valutare il prossimo orientamento politiche dell'Italia