Db Magazine January 13, 2022

La mobilità del futuro è “elettrica” o “ibrida”. E ha bisogno di nuove polizze

Ad agosto, per la prima volta nella storia, le immatricolazioni di veicoli elettrici hanno superato quelle dei diesel. La rivoluzione provocherà un impatto inevitabile, tra l’altro, anche sul settore assicurativo

Il futuro della mobilità è sempre più green. Una scelta necessaria, soprattutto in ragione del fatto che lo scorso dicembre il Comitato per la transizione ecologica ha stabilito lo stop alla produzione di auto a benzina e diesel a partire dal 2035. Non a caso, ad agosto, per la prima volta nella storia, le immatricolazioni di veicoli elettrici hanno superato quelle dei diesel.

640x343_dbmag_autoelettriche

E per il 2025 si stima che le vetture “verdi” costeranno meno di quelle tradizionali. Si tratta di una rivoluzione molto accelerata. Stando a un recente report realizzato da Ernst & Young in collaborazione con IIA (l’Italian Insurtech Association) dal titolo “Move to the future: la mobilità del 2031”, nel 2031 le nuove immatricolazioni di auto elettriche rappresenteranno circa il 40% del mercato e le ibride il 42%.

I nuovi rischi assicurativi 

Il nuovo scenario avrà un importante impatto anche sul mondo assicurativo, soprattutto in relazione ai rischi che emergeranno. L’indagine, condotta coinvolgendo i principali protagonisti del settore (come compagnie, broker, case automobilistiche, insurtech, tech companies e gruppi che forniscono servizi di assistenza), infatti, spiega che, in tema di cybersecurity, si potranno riscontrare vulnerabilità nelle interfacce di connessione dei nuovi veicoli, possibilità di dirottamento o furto di auto a guida autonoma, violazioni della privacy legata al tracciamento degli spostamenti.

Le polizze del futuro

Per questa ragione, il settore assicurativo dovrà adattarsi ai nuovi bisogni. Nasceranno, quindi, prodotti legati alla mobilità multimodale, cioè relativi alla persona e non al mezzo di trasporto utilizzato (e-bike, auto, mezzi pubblici), oppure generici in grado di inglobare e proteggere più veicoli contemporaneamente. E si andrà sempre più verso un’offerta personalizzata, con premi calcolati in base all’analisi del comportamento e dei dati di guida degli utenti o in relazione ai chilometri percorsi in una modalità definita “pay as you drive”. 

Non solo. Il premio annuo potrà variare sulla base del numero e della tipologia dei sistemi di sicurezza installati sulla vettura (come il cruise control adattivo e la frenata automatica di emergenza). E cambierà anche la distribuzione delle polizze. C’è, infatti, chi sta pensando ad accordi strutturali con il mondo automotive per rendere l’assicurazione direttamente integrata nella fase di acquisto.

A cura di OF Network


Prodotti e servizi in primo piano

Risparmio gestito

Investimenti assicurativi


Disclaimer area db Magazine

Tutti i diritti riservati. Gli articoli, i materiali, i contenuti ed i servizi presenti sulle pagine web raggiungibili da questo indirizzo https://www.deutsche-bank.it/news/detail/dbmagazine sono destinati ad un utilizzo personale e non professionale e non possono essere copiati, trasmessi, pubblicati, distribuiti o sfruttati commercialmente senza l’esplicito consenso scritto del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Tutti i materiali pubblicati, inclusi a titolo esemplificativo, articoli di informazione, fotografie, immagini, illustrazioni, sono protetti dalle leggi sul diritto d’autore e sono di proprietà dell’editore o di chi legittimamente disponga dei diritti relativi. Le informazioni contenute nel presente documento si basano su fonti ritenute attendibili: tuttavia il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha effettuato una verifica indipendente relativa a tali informazioni e declina ogni responsabilità a riguardo. Conseguentemente, nessuna garanzia, espressa o implicita, è fornita, né alcun affidamento può essere fatto riguardo alla precisione, completezza o correttezza delle informazioni e delle opinioni contenute in questo documento. Gli articoli, le ricerche e gli studi pubblicati rappresentano esclusivamente le opinioni e i punti di vista dei relativi autori: esse non riflettono necessariamente le opinioni di Deutsche Bank S.p.A. né di qualsiasi società controllata o consociata del Gruppo Deutsche Bank S.p.A.. Né l’autore né il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. possono essere ritenuti responsabili per danni derivanti dall’utilizzo della presente pubblicazione, tranne per quanto è previsto dalla normativa applicabile. Il Gruppo Deutsche Bank S.p.A cercherà in tutti i modi di evitare la pubblicazione di informazioni erronee ed affermazioni che possano in alcun modo essere considerate lesive di diritti di terzi.  Le informazioni riportate hanno solo uno scopo informativo, non sono da intendersi, interpretarsi o considerarsi in alcun modo come messaggio promozionale ovvero offerte di vendita o sollecitazioni a sottoscrivere, invito ad acquistare o vendere o come raccomandazione ad acquistare o collocare qualsiasi tipo di strumento finanziario, nè come giudizi da parte del Gruppo Deutsche Bank S.p.A. sull’opportunità dell’investimento in alcuno dei prodotti illustrati, o ricerca in materia di investimenti, né tantomeno costituiscono una raccomandazione ad eseguire alcun tipo di operazione. Quanto ad eventuali richiami di natura fiscale qui contenuti, va rilevato che i livelli e le basi di tassazione a cui fanno riferimento gli articoli pubblicati sono suscettibili di cambiamenti rispetto alla data di pubblicazione e possono incidere sul valore dell’investimento; il Gruppo Deutsche Bank S.p.A. non ha l'obbligo di mantenere aggiornate queste informazioni, né tantomeno di aggiornarle. La distribuzione di questo documento in altre giurisdizioni può essere soggetta a restrizioni e pertanto le persone alle quali dovesse pervenire tale documento si dovranno informare sull’esistenza di tali restrizioni ed osservarle. Ulteriori informazioni sono disponibili su richiesta.